Giu 23 2012

Tutti i nemici della smart city

newspaper3

Questo articolo è comparso sul Corriere della Sera | Brescia il 21 giugno 2012 e potete leggerlo qui .

*

PROTOCOLLO E IMPEGNI PER LA LOGGIA
Tutti i nemici della smart city
«Brescia sarà smart. La prospettiva è ampia. I tempi molto meno. Indiscrezioni ufficiose parlano di bandi a metà luglio. I soldi sono tanti: 700 milioni. Ma se si rinasce smart, bisogna farlo con determinazione»

La strada è presa. La decisione anche. Brescia sarà smart. La prospettiva è ampia. I tempi molto meno. Indiscrezioni ufficiose parlano di una pubblicazione dei bandi molto più vicina del previsto. Prima metà di luglio, al più tardi. I soldi sono tanti: 700 milioni. Il ritardo da recuperare è molto, perché ci sono città che i linguaggi della ripresa che nasce sul digitale li parlano da tempo.
Se si rinasce smart, bisogna farlo con determinazione. E anche qualche accorgimento. Il primo, indispensabile: non confondersi le idee. Mobilità ed energia sono due cardini, certo. Ma non sono le sole componenti della città smart. Prima di tutto, le infrastrutture digitali. Poi la riforma dei canali di dialogo tra pubblica amministrazione e cittadini con l’innalzamento qualitativo degli open data. Quindi la convergenza di piattaforme di investimento in progetti ad alto contenuto tecnologico in grado di restituire in breve tempo alla città ricchezza sia in termini di reddito che di forme di lavoro innovative, adatte a una generazione che dell’intelligenza e della creatività fa la sua materia prima. Continue reading