Smart City management

Con il termine Smart City/Community (SC) si intende quel luogo e/o contesto territoriale ove l’utilizzo pianificato e sapiente delle risorse umane e naturali, opportunamente gestite e integrate mediante le numerose tecnologie ICT già disponibili, consente la creazione di un ecosistema capace di utilizzare al meglio le risorse e di fornire servizi integrati e sempre più intelligenti (cioè il cui valore è maggiore della somma dei valori delle parti che li compongono).

Questa la definizione dell’Agenzia per l’Italia Digitale, su cui si sta costruendo l’Agenda Digitale Italiana, nel recepimento delle indicazioni europee per lo sviluppo di un’economia che trovi nuova forza nell’uso massivo delle tecnologie.
In questa definizione compaiono tre concetti chiave per il management di una smart city, ovvero:

>ECOSISTEMA : la città è un insieme complesso di realtà interconnesse, che definiremo reti. Per guidarne l’evoluzione occorre una figura in grado di supervisionare a un livello generale l’integrazione tra le reti.

> SERVIZI INTEGRATI : il driver di un rinnovamento nei servizi, che devono essere sempre più efficienti ed efficaci nel rilevare e soddisfare la domanda della città, deve arrivare dalla pubblica amministrazione ed estendersi al mondo dell’impresa sul territorio. Per questo, occorre una figura trasversale in grado di connettere adeguatamente questi mondi.

> INTELLIGENZA : la smartness cittadina è l’espressione ultima dell’ambizione collettiva a evolversi, sfruttando la potenzialità della tecnologia per un’idea collettiva di progresso, della città e dei suoi cittadini. Il rinascimento digitale delle città non può dunque trovare altra guida se non quella di un umanista, che solleciti l’adesione dei singoli e la progettazione condivisa.

 

smart_city

Nel quadro europeo disegnato da Horizon 2020 le città hanno un ruolo speciale: sono concepite come una rete di ecosistemi in grado di ovviare con soluzioni concrete ai grandi problemi dell’uomo e dell’ambiente, divisi nei sei capitoli:

.: smart economy : la città stimola e promuove il sistema costituito da impresa privata, enti pubblici e istituti di ricerca; si impegna nell’armonizzare e promuovere le imprese virtuose; innalza il livello tecnologico generale per creare un ambiente stimolante per l’impresa ICT; sostiene e incentiva la rilevazione della domanda e il monitoraggio della sperimentazione.
Gli indicatori UE di smart economy sono:

  • Innovative spirit
  • Entrepreneurship
  • Economic image & trademarks
  • Productivity
  • Flexibility of labour market
  • International embeddedness
  • Ability to transform

.: smart envinronment : sviluppo sostenibile, riduzione dell’ammontare di rifiuti tramite raccolta differenziata, riduzione delle emissioni di gas serra attraverso la limitazione del traffico e all’ottimizzazione delle emissioni industriali. A questi obiettivi si possono aggiungere la razionalizzazione dell’edilizia ed il conseguente abbattimento dell’impatto del riscaldamento e della climatizzazione, la razionalizzazione dell’illuminazione pubblica, la promozione, la protezione e la gestione del verde urbano nonché la bonifica delle aree dismesse.
Gli indicatori UE di smart envinronment sono:

  • Attractivity of natural conditions
  • Pollution
  • Environmental protection
  • Sustainable resource management

.: smart mobility : spostamenti agevoli, buona disponibilità di trasporto pubblico innovativo e sostenibile con mezzi a basso impatto ecologico, regolamentazione dell’accesso ai centri storici a favore di una maggiore vivibilità, adozione di soluzioni avanzate di mobility management e di infomobilità per gestire gli spostamenti quotidiani dei cittadini e gli scambi con le aree limitrofe.
Gli indicatori UE di smart mobility sono:

  • Local accessibility
  • (Inter-)national accessibility
  • Availability of ICT-infrastructure
  • Sustainable, innovative and safe transport systems

.: smart people : la smart city si fonda su una ritrovata consapevolezza e partecipazione nella vita pubblica, stimola ed eleva la qualifica dei cittadini, la pacifica convivenza di diversi portatori di interesse e comunità, l’interazione e il dialogo continuo per rilevare i bisogni concreti e rendere efficiente ed efficace la risposta.
Gli indicatori UE di smart people sono:

  • Level of qualification
  • Affinity to life long learning
  • Social and ethnic plurality
  • Flexibility
  • Creativity
  • Cosmopolitanism/Open-mindedness
  • Participation in public life

.: smart living : partendo dal rispetto della propria storia e identità, una smart city promuove la propria immagine turistica con una presenza intelligente sul web; virtualizza il proprio patrimonio culturale e le proprie tradizioni e le restituisce in rete come “bene comune” per i propri cittadini e i propri visitatori; usa tecniche avanzate per creare percorsi e “mappature” tematiche della città e per renderle facilmente fruibili.
Gli indicatori UE di smart living sono:

  • Cultural facilities
  • Health conditions
  • Individual safety
  • Housing quality
  • Education facilities
  • Touristic attractivity
  • Social cohesion

.: smart governance : un governo smart ha una visione strategica del proprio sviluppo e sa definire in base a questa scelte le linee di azione; è in grado di coinvolgere i cittadini nei temi di rilevanza pubblica, promuove azioni di sensibilizzazione ed utilizza le tecnologie per digitalizzare ed abbreviare le procedure amministrative; promuove la trasparenza delle procedure di governo e l’apertura e condivisione dei flussi di dati (open data).
Gli indicatori UE di smart governance sono:

  • Participation in decision-making
  • Public and social services
  • Transparent governance
  • Political strategies perspectives

Diapositiva11